Jebel Safsafa - Parete NE - Via diretta - Jebel Safsafa - Egypt
Jebel Safsafa - Parete NE - Via diretta

Jebel Safsafa - Parete NE - Via diretta

Jebel Safsafa - Egypt

Information
Duration1 day
Main facingNE
GearUna serie completa di dadi e friends, tra cui i micro; 4-5 chiodi a U e Lost Arrow; almeno una staffa a testa e fiffi.
Source

Via grandiosa in ambiente selvaggio e isolato, anche se appena sopra il paese e il monastero. Affronta belle placche fessurate, un insidiosissimo tetto (che richiede un gran lavoro di attrezzatura, non proprio banale, vista la qualità non eccelsa della roccia in quel punto e la presenza di un’unica esile fessura che ne consente il superamento), un camino breve ma faticoso e altre placche incise da deboli fessure. Nessun materiale in via, ma percorso logico e tutto sommato abbastanza facile da individuare. Una grande avventura di arrampicata tradizionale che fa riscoprire il gusto del muoversi lungo le pieghe naturali, a dispetto dello scempio che hanno subito gran parte delle vie delle Alpi. Etica inglese docet, in questo caso..

Avvicinamento

Dal monastero o dal posto di blocco precedente salire per pietraie e grandi massi fin sotto la parete. L’attacco é sotto il grande tetto che sbarra la prima parte e appena a sinistra di un sistema di fessure. Un’ora di avvicinamento, sei-sette ore per la via, due ore e mezza per la discesa.

Via

Da completare… Vedere schizzo.

Bella parete, apparentemente inclinata ma in realtà abbastanza articolata e mai semplice, soprattutto nella parte bassa. Raggiunto il grande canale-rampa sottostante l’ultimo salto, la linea si fa meno evidente. Qui la soluzione scelta potrebbe discostarsi dalla via originale, il cui impegno apparirebbe ben superiore a quanto dichiarato

Discesa

Dalla cima dove termina la via (ometto) seguire altri ometti dapprima verso ovest, poi verso sud, lungo vallette e canali, in saliscendi, fino a un evidente valloncello che porta, passando sotto un grande masso, a un giardino recintato (boostan). Deviare a sinistra (nord) dirigendosi verso lo stretto vallone che scende nel Wadi el Deir (la valle del monastero). Tenersi sul lato sinistro (faccia a valle) e superare qualche salto con brevi doppie da attrezzare. Scendere fino a incontrare alcuni muretti e terrazze, abbandonare il solco principale e deviare a sinistra verso una zona meno accidentata. Scendere ora per facili pietraie fino alla strada di fondovalle e al punto di partenza.

  • 11 lunghezze
  • Impegno: via superiore ai 300 metri, ambiente severo e lungo avvicinamento; ritirata non sempre veloce
  • Attrezzatura: via alpinistica con protezioni tradizionali, mediamente proteggibile, con protezioni più rade, ma voli senza conseguenze (R2)
  • Roccia: gneiss
  • Difficoltà: VI+/A2-3 // VI TD+
  • Accesso stradale: St. Katherine si raggiunge da Sharm el Sheik in circa due ore e mezza di auto, lungo strade ottime. Poco prima del paese deviare a sinistra (cartello) in direzione dell’omonimo monastero.
Creative Commons logo

The text and images in this page are available
under a Creative Commons CC-by-sa licence.