Jebel Fara - Big eyes - Jebel Fara - Egypt
Jebel Fara - Big eyes

Jebel Fara - Big eyes

Jebel Fara - Egypt

Information
Duration1 day
Main facingW
GearUna serie completa di dadi e friends. Utili, ma non indispensabili ,due corde da 60 metri.
Source

Salita breve ma intensa, da non sottovalutare. Generalmente sottogradata nelle relazioni, offre alcuni passaggi fisici molto estetici: il camino del secondo tiro e la fessura del terzo in particolare. Ambiente particolare, sia per l’inconsueta conformazione della parete, che per la presenza di una grande torre staccata. Materiale in loco pressoché nullo, a parte qualche cordone alle soste, ma salita ben proteggibile per la presenza costante di belle fessure.

Avvicinamento

Dal paese di Katrin raggiungere l’imbocco del Wadi el Arbain. Proseguire brevemente fino a che non si è in vista della parete; abbandonare il sentiero e salire per pietraie fino alla base. Mezz’ora circa. Due ore e mezza per la via, un’ora per la discesa.

Via

Da completare… Vedere schizzo.

Discesa

Dall’uscita proseguire in direzione sudovest, raggiungendo la prima sommità, scendendo a un colletto e risalendo alla seconda, che non è quella più elevata del Jebel Fara, ma una secondaria. Discendere sul versante opposto rispetto a quello di salita, in direzione di un evidente colletto, con qualche facile passo di arrampicata. Scendere nel canale sottostante, in direzione nordest (ovvero verso il paese di Katrin), superare un grande blocco al centro della valletta e raggiungerne il congiungimento con il vallone principale (Wadi Srej). Proseguire fino a una grande masso e a una costruzione diruta, risalire sul lato sinistro a un colletto e scendere in breve alla strada.

  • 4 lunghezze
  • Impegno: via di varie lunghezze, oltre i 200 metri, avvicinamento da 1 ora, ritirata comoda
  • Attrezzatura: via alpinistica con protezioni tradizionali, mediamente proteggibile, con protezioni più rade, ma voli senza conseguenze (R2)
  • Roccia: gneiss
  • Difficoltà: VI- // VI- D
  • Accesso stradale: St. Katherine si raggiunge da Sharm el Sheik in circa due ore e mezza di auto, lungo strade ottime.
  • E’ una delle pareti più estetiche dell’intero gruppo, costituita da un’unica lavagna solcata da fessure di ogni dimensione. Molto vicina al paese, si presta per salite di mezza giornata, scegliendo il mattino o il pomeriggio in base all’insolazione e alle temperature. Può essere un buon inizio per le arrampicate nella zona, sia come stile che come approccio.
Creative Commons logo

The text and images in this page are available
under a Creative Commons CC-by-sa licence.