Pizzo Fiorera (Bedriol) - da Formazza per il versante SW - Pizzo Fiorera (Bedriol) - Ticino Alps - Goms - Italy
Pizzo Fiorera (Bedriol) - da Formazza per il versante SW

Pizzo Fiorera (Bedriol) - da Formazza per il versante SW

Pizzo Fiorera (Bedriol) - Ticino Alps - Goms - Italy

Information
Min / max altitude1270m / 2921m
Duration1 day
Main facingSW
Route typereturn_same_way
Source

Inverno

Appena oltrepassato il ponte della Fraz. Valdo –Formazza-, proseguire verso destra in direzione del torrente Bedriola dove parte il percorso. Seguire fedelmente la mulattiera sino ai prati dell’Alpe Bedriol e attraversare il bacino in direzione E portandosi a ridosso della sconnessa fiancata che delimita l’accesso alla conca sovrastante dell’alpe Cazoli. Subito a sinistra della cascata, superando come meglio si riesce alcune difficoltose balze, è possibile raggiungere una comoda fascia che permette di rimettere gli sci per uscire agevolmente alla depressione superiore del Cazoli. Con libero percorso spingersi ai piedi della striscia rocciosa che protegge l’accesso alla pala finale, quindi, sfruttando uno stretto e ripido scivolo pervenire alla rampa conclusiva. Portarsi al limite delle roccette di vetta e percorrere il breve canalino che permette di pervenire direttamente alla cima. Secondo le condizioni è possibile partire con gli sci direttamente dalle roccette terminali, oppure dai piedi della fascia rocciosa sottostante.

  • La parte conclusiva a partire dalla fascia rocciosa, seppur breve, risulta parecchio ripida (oltre i 45°) ed esposta. Valutare attentamente se conviene o meno portare gli sci fino alle roccette sommitali.

  • Indispensabili piccozza e ramponi

Estate

Si parte dal Ristorante Genzianella, con sentiero segnalato e ben tracciato in poco più di 1h ci si porta all’alpe Bedriola (1.815 mt). Lasciando a sin. il sentiero per l’Alpe Tamia ci si sposta verso sud con un lungo traverso su tracciato meno evidente e non ben segnalato sino a raggiungere il costolone che scende dalla cima. Da qui il sentiero spesso coperto dalla vegetazione rigogliosa torna ad essere ben segnalato con ometti e tacche di vernice rosso-bianca. Si guadagna rapidamente quota sino a giungere all’Alpe Cazzoli a 2.225 al di sopra dell’imponente bastionata rocciosa che sovrasta l’Alpe Bedriola. Si abbandona il sentiero per l’omonimo Passo e si sale a sinistra per pendii erbosi su campo aperto puntando alla base di una bastionata dall’apparenza repulsiva che sostiene la parte superiore della montagna. Su pietraia ci si alza superando da destra un grosso cono roccioso sino alla base della barriera che si supera per una serie di canali detritico/erbosi tra qualche traccia di passaggio e sporadici ometti. Giunti sulla cresta la si segue in direzione della vetta per poi poggiare a sinistra sotto al castello sommitale che si supera attraverso un canale roccioso e la cresta finale di buon granito. La parte bassa si svolge su sentiero molto bello ottimamente segnalato. Poi dopo il traverso della Bedriola il sentiero sulla costa che sale all’alpe Cazzoli risulta ben segnalato a dispetto della scarsissima frequentazione.

  • Il superamento del tratto finale in sicurezza richiede un po’ di esperienza alpinistica.
Creative Commons logo

The text and images in this page are available
under a Creative Commons CC-by-sa licence.