Monte Castello di Gaino - Cresta S - Monte Castello di Gaino - Adamello - Italy
Monte Castello di Gaino - Cresta S

Monte Castello di Gaino - Cresta S

Monte Castello di Gaino - Adamello - Italy

Information
Duration1 day
Main facingS
GearCome equipaggiamento bastano una corda anche da 30m, 6 rinvii, qualche nut, un paio di friends e diversi cordini. Se si evitano le varianti più impegnative gran parte dell'itinerario può essere percorso in conserva.
Source

La via della cresta Sud qui proposta si configura come una specie di Cresta Segantini, per chi è avvezzo alla Grignetta, inserita in un ambiente mediterraneo. Si tratta di una via facile e abbastanza lunga (dislivello 600m, sviluppo 8-900), piuttosto discontinua, ma in complesso molto piacevole. Alla base della parete sono indicate diverse varianti possibili, tutte di una sola lunghezza di corda. La via è attrezzata qua e là con qualche vecchio chiodo e sporadicamente, sulle varianti, con qualche spit. E’ necessario proteggersi, ma data l’abbondanza di clessidre e fessure, si può fare sicura quasi ovunque. La roccia è ottima, lavorata dal sole e dall’acqua e molto simile al migliore calcare sardo. A metà della cresta, dopo una zona boscosa, sotto un caratteristico roccione (il primo sasso) c’è una D rossa che indica la via di discesa intermedia, che permette di tornare alla base dopo 5-6 tiri di corda. Un solo tratto, nella seconda parte presenta un crollo, probabilmente a causa del recente terremoto con epicentro nella zona e la parte instabile viene aggirata per sentierino sulla sinistra.

Avvicinamento

Dal parcheggio del paese è possibile salire ancora con l’auto per un breve tratto, seguendo la strada con indicazioni Agritur il Castello. Percorsa per un breve tratto la strada dritta in salita, si prende a destra (curva stretta) una stradina che sale ripida in località Castello, seguendo le indicazioni per l’Agritur e il cartello Palestra di Roccia. In prossimità dell’Agritur un piccolo spiazzo offre qualche possibilità di parcheggio (m.360). Parcheggiare in maniera responsabile. Da questo punto si segue la strada ripida, deviando prima di una sbarra a sinistra seguendo le indicazioni palestra di roccia. In 15 minuti si raggiunge una bella parete rocciosa su cui sono attrezzati diversi monotiri. La nostra cresta attacca all’estrema sinistra del primo settore (A) della palestra, dove si individua un canalino-rampa.

Via

Da completare… Vedere schizzo.

Discesa

Una prima possibilità di discesa si trova a metà della cresta; altrimenti dalla cima seguire il sentiero sul versante opposto (nord), dapprima a sinistra (tratti attrezzati con corde sugli alberi) e poi con lunga diagonale ad est della cresta, evitando di abbassarsi subito. Necessaria circa un’ora per rientrare al parcheggio.

  • 7 lunghezze
  • Impegno: 1-via corta, con breve avvicinamento, facile discesa, ambiente solare
  • Attrezzatura: via alpinistica con protezioni tradizionali, difficilmente proteggibile, con protezioni non sempre buone e distanti. Voli da 15 a 20 metri (R3)
  • Accesso stradale: Milano ­ Brescia Est ­ Salò ­ Toscolano; alla fine del paese, subito dopo un ponte, deviare a sinistra per Gaino.
  • Logistica: Bar a Gaino, campeggi, alberghi e ristoranti a Toscolano-Maderno. Agritur “il Castello” tel. 0365-644101, 0365-541555.

Sono possibili diverse varianti, fino al VI-, in genere però le difficoltà si mantengono sul II, III grado. La roccia è un calcare carsico di qualità eccellente, ricco di lame e buchi. Bisogna addirittura prestare attenzione per non tagliarsi! Alla base della parete, ci sono altre 19 vie attrezzate, di cui 8 di due lunghezze, dal V al 7a+ (e tre probabili 7c). Tra queste le più facili “Indiedro tutta” (2L, L1 V, L2 V+) e “Little Giò” (2L, L1 V+, L2 6a). Tabellone alla base con indicazione dei monotiri e delle varianti della cresta Sud

Creative Commons logo

The text and images in this page are available
under a Creative Commons CC-by-sa licence.