Piz Timun / Pizzo d'Emet - Per il Lago d' Emet; discesa per il canale S e traversata in Val Sterla. - Passo Settentrionale di Sterla - Zentralgraubünden - Italy
Piz Timun / Pizzo d'Emet - Per il Lago d' Emet; discesa per il canale S e traversata in Val Sterla.

Piz Timun / Pizzo d'Emet - Per il Lago d' Emet; discesa per il canale S e traversata in Val Sterla.

Passo Settentrionale di Sterla - Grisons centraux - Italy

Information
Min / max altitude1656m / 3209m
Duration1 day
Route typeloop
GearPiccozza e ramponi per la cresta
Source

Salita 1

Da Macolini 1656, proseguire a nord nella valle lasciando alla propria sinistra il torrente scalcoggia, giunti a quota 1700 cominciare a risalire i sostenuti pendii a est senza attraversare il canaletto del torrente che scende dal Lago d’Emet. Giunti su di un piccolo promontorio a quota circa 2170 cominciare a traversare tenendosi una ventina di metri sopra il lago senza perdere quota; ora puntare all’evidente quota 2493 che puo essere aggirata passando sopra il Passo da Niemet oppure superata da un ripido ma più diretto pendio canale. Passata queta quota ci si dirige a sud puntando la cima del Pizzo di Emet, superando alcuni pendii mai troppo sostenuti; verso quota 2850 cominciare a traversare verso est passando sotto la parete nord della cime e giungendo alla conca glaciale del Gl. da Niemet. Si risale puntando al Colletto d’Altare (non nominato nè quotato su CNS) 3115 m circa, il pendio diventa ripido e a canale la si raggiunge con o senza sci a seconda delle condizioni. Dal colletto proseguire a piedi per la cresta est verso la cima, che si raggiunge a breve senza particolari difficoltà. Ottimo punto d’osservazione su Retiche e Lepontine.

Discesa 1

Ritornati al colletto, calzati gli sci si prende il canale S che parte proprio da qui dapprima molto ripido sui 45° poi sui 40° sostenuti. Percorrerlo tutto fino a giungere alla sottostante piana a quota circa 2540.

Salita 2

Da questa piana sopra l’alpe Rebella di Val di Lei, risalire i pendii procedendo prima verso ovest poi puntando più a destra verso il Passo Settentrionale di Sterla 2830 m, fino a raggiungerlo.

Discesa 2

Dal Passo Settentrionale di Sterla 2830 m scendere la Valle di Sterla, il punto di maggiore attenzione e situato appena sotto i 2200m, qui si incontra un primo gradone della valle, il salto roccioso va evitato sulla sinistra (scendendo) successivamente bisogna superare un secondo gradone qui ci si sposta più a destra e scrutando si trova il traversino dove passa il sentiero d’estate facilmente individuabile dai simboli bianchi rossi posti sui massi quasi sempre scoperti grazie al vento, oppure vedendo le paline per i cavi d’acciaio proprio del sentiero. Superato anche questo presso a 2 evidenti caselli dell’acqua, in seguito ci si abbassa nell’ultimo deciso canale affollato di bassa vegetazione (maross) giungendo nella Val Scalcoggia e quindi a Macolini.

  • Penso sia un favoloso itinerario che ti permette di vedere luoghi sempre diversi e molto selvaggi, discesa mozzafiato e un anello che personalmente ritengo un bijiu. ma non è tutto bello….
  • Attenzione: è un itinerario che date le pendenze le esposizioni e il periodo non è sempre fattibile soprattutto per le condizioni di sicurezza, ci vuole un manto nevoso perfettamente consolidato e stabile. attenzione alle temperature per la discesa a sud. il solo itinerario da macolini è giudicato primaverile per la sua pericolosità in alta stagione.
Creative Commons logo

The text and images in this page are available
under a Creative Commons CC-by-sa licence.