Pizzo Marta - Il Gipeto - Pizzo Marta - Ticino Alps - Goms - Italy
Information
Min / max altitude1770m / 2400m
Duration1 day
Main facingS
Route typereturn_same_way
GearDue corde da 50 metri, qualche dado o friend
Source

Piacevole itinerario in ambiente alpino, adatto a inizio stagione. La salita si articola per placche compatte, con tiri in aderenza alternati ad altri in fessura, interrotti da cenge che creano un po’ di discontinuità. Particolarmente belli sono il terzo tiro, una tipica placca d’aderenza su microappoggi e il penultimo, caratterizzato da una fessura rossastra a grossi bitorzoli di quarzo, unica nel suo genere. Attenzione all’uscita, che si può fare direttamente per blocchi poco stabili e un po’ lichenosi, ma preferibilmente spostandosi a sinistra e congiungendosi all’altro itinerario, “C’era una volta il sentiero dei Walzer”, un grido di dolore per la devastazione del vecchio tracciato di fondovalle, sostituito da una strada sterrata: una ferita aperta

Avvicinamento

Dall’arrivo della seggiovia del Sagersboden (Valdo Val Formazza) seguire la sterrata per il Vannino fino in corrispondenza del bivio per il rifugio Miriam. Salire verso dx per prati, piegare a dx sotto il settore castello e rimontare i prati sino a trovare una pietraia con ometti, raggiungendo la base della parete. Non seguire i primi spit, (monotiro di 6b), ma risalire a dx una cinquantina di metri sino a trovare l’inizio delle via (scritta in rosso il Gipeto).

Via

(Vedere schizzo) 1°L 5c risalire una cengia erbosa sino a trovare la sosta del secondo tiro. 2°L 6a
3°L 6a 4°L 6a+ 5°L 5c 6°L 6b 7°L 5c

Discesa

in doppia sulla via

Via spittata un po’ “lunga” portare una serie di fiend, specialmente grossi per la fessura della 6° lunghezza

Creative Commons logo

The text and images in this page are available
under a Creative Commons CC-by-sa licence.