Hagelstock - Da Eggbergen per il versante S e la cresta W scavalcando l’Huenderegg. - Hagelstock - Glarus Alps - Switzerland
Hagelstock - Da  Eggbergen per il versante S e la cresta W scavalcando l’Huenderegg.

Hagelstock - Da Eggbergen per il versante S e la cresta W scavalcando l’Huenderegg.

Hagelstock - Glarus Alps - Switzerland

Information
Min / max altitude1450m / 2181m
Duration1 day
Route typereturn_same_way
Source

Da Altdorf andando verso Fluelen si incrocia la stazione della graziosa e piccola funivia che porta con un salto notevole a Eggbergen da dove inizia l’itinerario sciistico. All’uscita della stazione di monte si calzano gli sci e si sale in direzione E per bei pendii punteggiati da nuclei di baite, da qualche stalla e attraversati da una pista da sci. Dopo circa 300 m di dislivello si giunge alla stazione di monte dell’unico skilift; senza possibilità di errore si prosegue sempre verso E, sul tracciato di un sentiero estivo che d’inverno viene palinato per gli escursionisti invernali che attraversano verso Biel nella Schachental, fino ad Huenderegg, m 1874, punto panoramico eccezionale sulla corona delle più importanti montagne della Svizzera Centrale ed oltre. Da Huenderegg si scende per cresta in direzione N sino al laghetto di Flesch, in corrispondenza del quale sorge uno strategico ristoro funzionante spesso nei we invernali (tutto palinato). Ancora verso N su terreno poco inclinato fino ad un’altra baita con segnaletica estiva nei pressi; incomincia ora il tratto più severo, gli ultimi 300 m di dislivello per la cima. Si perde qualche metro su pendii poco inclinati, colonizzati da vegetazione rada. Si piega progressivamente verso NW e per un ripido, ma corto pendio si supera la bastionata rocciosa che da lontano sembrava sbarrare l’accesso al grande “lenzuolo bianco” che costituisce il versante SW dell’Hagelstock. Questo ultimo pendio, apparentemente banale, va attraversato con un percorso ascendente da SE verso NO per poter afferrare la cresta W dell’Hagelstock nel punto più basso, seguirla poi fino in vetta.

Itinerario che se percorso in traversata non è banale; non essendo comunque lungo sono possibili concatenamenti sfruttando la funivia di Chappeliberg. Il tratto chiave della salita sono gli ultimi 300 m di dislivello. Il ritorno su Eggbergen non è remunerativo, meglio, in caso di ritirata, scendere nella Schachental, a condizione però che ci sia un buon innevamento a bassa quota. Le difficoltà tecniche della discesa su Chappeliberg, a seconda dell’itinerario scelto, si alzano di almeno 1/2 grado.

Creative Commons logo

The text and images in this page are available
under a Creative Commons CC-by-sa licence.