Beichpass - Da Fafleralp per Dischlig gletscher con discesa diretta dal versante NW - Beichpass - Bernese Alps - Switzerland
Beichpass - Da Fafleralp per Dischlig gletscher con discesa diretta dal versante NW

Beichpass - Da Fafleralp per Dischlig gletscher con discesa diretta dal versante NW

Beichpass - Bernese Alps - Switzerland

Information
Min / max altitude1771m / 3170m
Duration1 day
Main facingNW
Route typeloop
Source

Posteggiare a Fafleralp m1771, ampio parcheggio, raggiungibile in auto solo in tarda primavera, da Blatten ultimo paese della Lotschental. Quasi sempre è possibile calzare gli sci poco dopo aver superato il ponte sul torrente. Si punta verso la Lotschenlucke l’ampia sella che si staglia contro il cielo sul fondo della valle, porta naturale per accedere al bacino glaciale dell’Aletsch e al Konkordiaplatz. A circa 1950 m di quota si piega verso S per risalire i pendii verso il Dischliggletscher costituito dalla fusione di due flussi glaciali quello NE ripido e seraccato, quello orientato ad W un po’ meno ripido e meno tormentato. Dopo i 2100 m di quota si segue il ripido dosso morenico che permette di accedere facilmente al ramo W del Dischliggletscher a circa 2550 m di quota. Proseguire in direzione E dapprima su terreno con pendenza moderata, poi alzandosi di quota l’inclinazione del pendio aumenta. Giunti al culmine del Dischliggletscher si tolgono gli sci e si sale a piedi un ripido, ma corto pendio ( inclinazione poco sotto i 40°) per raggiungere la cresta NE della Beichspitza (paletto indicatore) che si percorre in discesa per qualche decina di metri sino al Beichpass. DISCESA: direttamente dal passo in condizioni ottimali si può partire con sci ai piedi compiendo un traverso discendente verso sinistra su pendio ripidissimo esposto su barre rocciose. Si perdono circa 40 m di quota, quindi netta inversione verso destra passando tra le barre rocciose per raggiungere il ripido scivolo che si origina dalla cresta tra il Beichpass e la quota 3168. Si scende sempre per terreno sostenuto verso N perdendo altri 200 m ca. di dislivello. Sotto c’è un seracco con un notevole salto, bisogna tagliare verso sinistra (senso di discesa) su un altro ripidissimo scivolo che pare inabissarsi nel vuoto. Tutta la zona è a serio rischio valanghe. Si percorre con cautela questo pendio canale leggermente concavo che permette di evitare il seracco. Giunti in corrispondenza di piccoli isolotti rocciosi forse non sempre visibili tagliare verso sinistra per portarsi all’origine di un altro scivolo ripidissimo, percorrerlo al centro e quando la pendenza molla un pochino spostarsi verso destra sul ciglio del vallone percorso dalle eventuali scariche della seraccata. Da qui secondo le condizioni di innevamento si continua per la massima pendenza verso valle, spostandosi verso sinistra qualora necessitasse prendere canali o pendii meglio innevati. Giunti in fondovalle si ritorna rapidamente a Fafleralp.

Itinerario che si svolge in un ambiente severo al cospetto di numerosi colossi delle Alpi Bernesi, sicuramente da affrontare con condizioni sicure ed al mattino presto. Il Beichpass è considerata la porta d’uscita più semplice dal bacino dell’Oberaletsch, la si tiene come ultima gita dopo aver trascorso qualche giorno all’Oberaletsch-hutte. Gestita in questo modo può addirittura diventare una gita da “giornata” con una discesa di tutto rispetto. Io la rivaluterei anche come porta d’accesso per il rif. Oberaletsch che i più raggiungono salendo con il noioso e non sempre agevole percorso da Belalp; il Beichpass oltre che diventare una alternativa migliore può offrire ai più veloci l’opportunità di non sprecare la giornata di accesso abbinando una cima.

Creative Commons logo

The text and images in this page are available
under a Creative Commons CC-by-sa licence.