Lastoni di Formin - Via Bonetti - Mezzacasa - Lastoni di Formin - Dolomites centrales - Italy
Lastoni di Formin - Via Bonetti - Mezzacasa

Lastoni di Formin - Via Bonetti - Mezzacasa

Lastoni di Formin - Dolomites centrales - Italy

Information
Min / max altitude2200m / 2657m
Duration1 day
Main facingW
Route typeloop_hut
GearCASCO!!! 2 mezze, chiodi e martello (NON TUTTE LE SOSTE SONO SPITTATE - A DIFFERENZA DI QUANDO VIENE SCRITTO SU CERTE GUIDE. ANZI, non tutte se soste ci sono...), qualche friend, dadi, fettuccie, cordini (Kevlar utile).
Source

Salita

Seguendo il sentiero n. 436 da passo Giau, piegare a sinistra un paio di centinaia di metri prima della forcella Giau, traversando su detriti e grandi massi in direzione dell’attacco della via, situato in corrispondenza di una placchetta sotto un diedro-camino tra due grossi massi (III+, IV, V- secondo alcuni). Si segue il diedro camino e si traversa a sinistra prima di un leggero strapiombo (III+, IV). Un facile tiro di corda riporta sulla verticale del camino, sotto due camini stretti consecutivi (IV). Si giunge ad una cengia. Fin qui, tutto bene. Dopo chissà. Un tiro in aperta parete (placca) sulla sinistra e un altro breve tiro ben verticale conducono ad una sosta sotto una piccola pancia. E’ ancora questa la via? Superare la pancia sulla sinistra (passo duretto, almeno IV+ o V-), traversare a sinistra e sostare in qualche modo (numerose clessidre, in questi ultimi tiri). Un ultimo diedrino di IV conduce ad un nuovo punto di sosta (non attrezzato). A questo punto,l’uscita verso l’alto (dritti per dritti) non pone particolari problemi. Si esce sulla destra di un marcato diedro.

Discesa

A piedi, verso la Forcella Rossa di Formin, poi giù nella valletta e infine a destra lungo il sentiero n. 436 (luoghi davvero incantati, soprattutto a fine pomeriggio, o di sera!) fino a Passo Giau

La via non è, nel complesso, così esposta, pur essendo la parete piuttosto verticale

La via è poco ripetuta, le lunghezze sono 9-10, alcune guide la danno di IV, altre (la maggiornaza) di V-… Certo, le difficoltà non sono continue, se non sul IV, e la via è bella, non cortissima (9-10 lunghezze), MA: 1) attenzione ai SASSI. Stavamo per rimanerci, più volte. Attaccare per primi e fare estremamente attenzione sulle cengie, a non far cadere sassi; 2) munirsi di una relazione seria per i 2/3 superiori della parete. Noi, siamo andati un po’ a naso. La roccia è buona, generalmente, ma fare MOLTA attenzione: oltre ai sassi, interi lastroni sono pericolanti, numerosi appligli aspettano solo di essere staccati da qualche arrampicatore incauto…

Sole il pomeriggio… Bella parete… Itinerario di tipo classico, in un luogo stupendo. Ho quotato IV l’impegno a causa 1) del minimo di intuito richiesto per non incrodarsi nella parte superiore della parete e 2) per il massimo di fortuna necessaria per uscire indenni dalla via.

Creative Commons logo

The text and images in this page are available
under a Creative Commons CC-by-sa licence.