Cima Tuckett - dal Franzenshöhe per il Madatschferner - Tuckett-Spitze - Ortler - Italy
Cima Tuckett - dal Franzenshöhe per il Madatschferner

Cima Tuckett - dal Franzenshöhe per il Madatschferner

Cima Tuckett / Tuckett-Spitze - Ortler - Italy

Information
Min / max altitude2180m / 3462m
Duration1 day
Main facingNW
GearNormale da ghiacciaio.
Glacier gear required
Source

Parcheggiare nel piazzale dell’albergo e prendere alle spalle dello stesso in direzione E il comodo sentiero per il Rifugio Borletti. Giunti nei pressi di un ponticello in legno abbandonarlo e risalire a S per nevai e sfasciumi verso la fronte del MADATSCHFERNER (oggi molto ritirato). Un valloncello ripido posto sul lato Stelvio (sinistra orografica) da accesso al tratto terminale del ghiacciaio, qui quasi piano. Risalire il ghiacciao puntando al ramo sinistro che sale con una seraccata tra la costiera dei MADATSCH SPITZE e la CIMA TUCKETT. Aggirata la seraccata sulla destra salire fino a poco prima del PASSO DI TUCKETT, caratterizzato da una ben visibile costruzione. Con evidente percorso raggiungere la ampia e via via sempre piu’ ripida cresta N della CIMA DI TUCKETT, seguendola fino in vetta. La cima e’ un balcone con vista sul versante W dell’ORTLES, il GRAN ZEBRU’ e tutto il bacino dei Forni.

Questo itinerario e’ piu’ remunerativo di quello con partenza dallo Stelvio, oltre che piu’ logico perche’ evita la risalita al Livrio al ritorno. Inoltre si e’ in un ambiente glaciale severo e gli impianti di risalita dello Stelvio sono nascosti dalla dorsale della Punta degli Spiriti. Il ghiacciaio e’ abbastanza accidentato e va affrontato con buone condizioni di visibilita’. L’ esposizione nord e il percorso su ghiacciaio rendono possibile l’effettuazione di questa gita fino a tarda stagione che parte dal versante tirolese della strada dello Stelvio.

Alloggio : l’albergo Franzenhohe e’ in ristrutturazione. Al Passo dello Stelvio si possono acquistare degli appetitosi panini con crauti e wuerstel agli Inbiss tirolesi.

Creative Commons logo

The text and images in this page are available
under a Creative Commons CC-by-sa licence.