Seconda Cima Venezia - traversata alla Terza Cima Venezia con discesa per lo Schranferner - Zweite Venezia-Spitze - Ortler - Italy
Seconda Cima Venezia - traversata alla Terza Cima Venezia con discesa per lo Schranferner

Seconda Cima Venezia - traversata alla Terza Cima Venezia con discesa per lo Schranferner

Seconda Cima Venezia / Zweite Venezia-Spitze - Ortler - Italy

Information
Min / max altitude2050m / 3371m
Duration1 day
Main facingN
GearUtili ramponi e rampanti a seconda del tipo di neve.
Source

Dal parcheggio seguire piü o meno fedelmente la strada e il sentiero che porta al rifugio Corsi(Zufall Hütte-2265m):entrare nel letto del torrente-direzione SW- e dopo alcune centinaia di metri guadagnare la sommitä di un dosso da cui si gode una splendida vista sul Cevedale. Attraversare in leggerissima discesa il pianoro per poi piegare a sinistra per pecorrere il sinuoso vallone che conduce al rif. Martello (Martell Hütte) che comunque sí lascia alcune centinaia di metri a sinistra (ca 2600m). Attraversare in piano per ca 200/300 m e poi sterzare decisamente a Sud. Percorrere l´evidente canalone che con ultimo pezzo ripido consente di arrivare sul Hohen Ferner: senza crepacci, la vedretta viene percorsa in direzione S sino alla ripida insellatura che in pochi metri consente di arrivare in vetta alla Cima Marmotta (3330m). Tornati alla selletta scendere per ca 100/150 m (anche a piedi a seconda delle condizioni) sul Ghiacciaio del Careser: attraversare in diagonale per parecchie centinaia di metri fino a portarsi sotto la sella che divide la Prima dalla Seconda Cima Venezia: risalitala ci si porta in breve e a piedi sulla cima percorrendo la cresta SW.

Discesa: ritornati sul ghiacciaio si continua in direzione E con due alternative. a)Salire alla Terza Cima Venezia portandosi sotto la verticale della stessa e poi verso destra sino in cima. b)proseguire lungo la vedretta quasi pianeggiante e sempre parallelamente alla sovrastante cima e poi piegare a NE sino all´intaglio compreso tra la Terza Cima e la Hintere Schran Spitze. Da qui per gli ampi pendii si puö ancora salire sulla terza cima. Dalla vetta o dalla sella scendere lungo il poco crepacciato Schranferner delimitato a destra da un evidente bastionata rocciosa e puntare decisamente verso il ripido canalone compreso tra lo Schran Spitze e il Vordere Rotspitze, dopo aver superato un primo tratto molto ripido anche se breve. Scendere con prudenza viste le pendenze e portarsi a destra lungo un piccolo colletto: superatolo si continua per ampi pendii per poi giungere al limitare del bosco che si percorre sino in fondovalle. Attraversare il fiume lungo un ponte di legno e raggiungere il punto di partenza.

La salita-peraltro sconsigliabile come discesa- presenta un notevole sviluppo.

Attenzione alla difficoltä di orientamento lungo il Ghiacciaio del Careser: con scarsa visibilitä meglio desistere. Gita da effetuarsi solo con neve sicura in discesa.

Creative Commons logo

The text and images in this page are available
under a Creative Commons CC-by-sa licence.