Vetta di Ron - Via normale per il versante SSW, da Boirolo - Vetta di Ron - Engadin - Disgrazia - Italy
Vetta di Ron - Via normale per il versante SSW, da Boirolo

Vetta di Ron - Via normale per il versante SSW, da Boirolo

Vetta di Ron - Engadine - Disgrazia - Italy

Information
Min / max altitude1560m / 3137m
Duration1 day
Main facingS
Route typereturn_same_way
GearPortare piccozza e ramponi ad inizio e fine stagione per tratti innevati e/o gelati.
Source

Da Boirolo (raggiunto in auto da Tresivio) si segue a piedi la stradina sterrata che sale verso N e dopo aver superato un dosso, raggiunge la chiesetta di S. Stefano (q. 1800m). Si prosegue poi al margine superiore della valle e verso (q. 2005 m) si arriva ad un incrocio. Verso destra una mulattiera conduce all´Alpe Rogneda, sotto la (q. 2188 m) e proseguendo oltre si raggiunge la stalla di (q. 2244 m). Seguendo ora le tracce verso NE, in breve si raggiunge il Lago di Rogneda (q. 2316 m). Per evitare la notevole distesa di ganda che ci sbarra l´accesso diretto alla Bocchetta N di Rogneda, dal lago si volge ad E, per un centinaio di metri o poco più e si segue poi un sentierino, verso N, che traversa alla base il ripido versante W del tratto di cresta compreso fra la Bocchetta S di Rogneda (q. 2362 m), non nominata sulla CNS e la (q. 2681 m). Al termine del traverso, seguendo le tracce, si sale alla Bocchetta N di Rogneda (q. 2657 m). Da qui ci si abbassa leggermente sul versante opposto e si sale trasversalmente il pendio di erba e detriti, in direzione dell´ultimo canale a destra, che scende dalla cresta SE della Vetta di Ron. Non bisogna farci attrarre dai primi canali, perchè molto ripidi, bisogna traversare a lungo sotto la cresta. Il canale non è comunque difficile da individuare in quanto, in alto, sul filo di cresta contro il cielo, risalta un piccolo gendarme; inoltre è segnalato, ma bisogna arrivarci vicino per individuare i segnali. Il canale lo si risale per pochi metri, per poi imboccare una cengia, larga all´inizio, che permette di traversare verso sinistra obliquamente tutta la parete. Nella parte inferiore, nel superamento di un ripido canale, la cengia diventa abbastanza stretta, ma poi prosegue sempre sufficientemente larga, fin sotto la vetta. Al termine della cengia si raggiunge una sella, dove si volge a destra e per rocce rotte e facili canaletti si arriva in vetta.

Itinerario da non intraprendere dopo abbondanti piogge.

Creative Commons logo

The text and images in this page are available
under a Creative Commons CC-by-sa licence.