Scalinatella - Scalinatella - Scalinatella - Bündner Oberland - Adula - Tessin E - Italy
Information
Duration1 day
Main facingE
Route typeloop
Gear8 rinvii, cordini e volendo integrare (non nessario) qualche friend piccolo
Source

Attacco: dal rifugio Pairolo, seguire il sentiero che sale verso la cresta di confine con l’Italia (cartello giallo Denti della Vecchia). Entrati nel bosco si segue il sentiero più alto che percorre la cresta verso destra (vernice arancione sugli alberi). Seguirlo lungamente e poi prendere un bivio a sinistra (bolli bianchi e rossi). Proseguire fino ad individuare una traccia di sentiero che scende nel bosco a sinistra costeggiando uno sperone (traccia poco visibile). Scendere per terreno ripido (attenzione, specie dopo pioggie) per un centinaio di metri sempre costeggiando lo sperone. Poco prima della base di quest’ultimo si incrocia sul sentiero un masso staccato dallo sperone con sopra un spit (visibile anche un chiodo sulla parete e poco sopra un’altro spit) (25 min dal Rifugio)

L#|3a|25m: salire sullo sperone (subito chiodo) e proseguire per una paretina verticale (spit) ma ottimamente appigliata (dopo piogge i primi 4 metri possono risultare un pò bagnati perchè all’ombra del bosco). Dopo il primo tratto verticale la parete si abbatte un po’: si prosegue per placche sempre molto lavorate con percorso non obbligato, passando infine a destra di un alberello ed uscendo alla sosta, costituita da due grossi spit con anelli di calata.

L#|3b|25m : superare un intaglio, e salire sulla parete retrostante stando sul filo di destra (spit) (ottimi appigli poco visibili dal basso). Entrare nel caminetto e poi uscire leggermente a sinistra fino alla sosta.

L#|3b|20m : scendere (viso a monte) leggermente nel canalino e passare sul torrione a fianco (spit) da cui occorre attraversare con un lungo passo un profondo intaglio (spit). Per attraversare i due torrioni conviene stare bassi sotto il primo spit. Al di là dell’intaglio salire per semplice paretina andando a sostare in cresta.

L#|2b|25m: traversare a sinistra per roccette fino ad uno spit su un ultimo roccione. Salirlo direttamente e poi scendere viso a monte fino alla sosta su uno spiazzo vicino al sentiero. In alternativo si può aggirare il roccione sulla sinistra. Lunghezza breve, ma è sconsigliabile unirla alla precedente, per l’attrito delle corde.

Tutte le soste sono attrezzate con spit e anelli di calata.

Roccia molto lavorata e solida, con bella vista sul lago di Lugano. Arrampicata plasir.

Si può eventualmente lasciare lo zaino all’ultima sosta proseguendo il sentiero per circa 20 metri dopo il bivio di discesa e poi a sinistra su spiazzo erboso.

Creative Commons logo

The text and images in this page are available
under a Creative Commons CC-by-sa licence.